Arriva la primavera, i fiori, le piante, il sole caldo ma non troppo e l’allergia al polline. Infatti proprio questa sostanza trasportata dall’aria e che è tipicamente primaverile costringe a letto, o ai dolori stagionali moltissime persone nel mondo.

Cosa è il polline? Come detto si tratta di una sostanza formata dalla spermatofite, composta dall’insieme di microgametofiti. La funzione principale del polline non è quella di costringere ai mali stagionali le persone, ma bensì a favorire la fecondazione durante la primavera, delle piante. Il polline è una sostanza molto ricca di alcune sostanze proteiche essenziali per l’alimentazione degli insetti: la palinologia, la scienza che studia i vari tipi di pollini parla di gimnosperme quando è prodotto dai coni maschili, invece di angiosperme quando è prodotto dalle antere.

Come detto il polline può portare ad una allergia chiamata in termine tecnico pollinosi, ovvero una allergopatia stagionale. Il polline è dannoso e creare una reazione allergica a chi ne è afflitto, mentre è totalmente innocuo per il resto delle persone. Il problema essenzialmente sta nei granuli di polline che si depositano nelle vie respiratorie di chi ne è allergico provocando una reazione nel naso e nelle bocca a contatto con le IgE presenti nella superficie dei cosidetti mastociti. Così il sistema immunitario interviene provocando un processo plogistico per le vie respiratorie con alcuni sintomi tipici.

Andiamo a scoprire ora, dopo aver visto cosa è il polline e cosa è l’allergia da tale sostanza, quali sono i sintomi che ci permettono di riconoscere il suo insorgere e quali sono alcuni rimedi naturali che possono portare alla sua scomparsa o attenuazione a seconda dei vari soggetti.

Allergia al polline: sintomi

Come abbiamo visto il polline va a colpire i soggetti allergici depositandosi nella vie respiratorie e provocando una reazione del corpo umano che genera dei sintomi chiari ed evidenti. Quali sono i sintomi dell’allergia al polline? Essenzialmente sono uguali per tutti i soggetti allergici:

  • rinite
  • asma bronchiale
  • tosse
  • congiuntivite

Se avete uno o più di questi sintomi molto probabilmente siete allergici al polline. Per la sua cura e prevenzione vengono spesso somministrati diversi farmaci che vanno dai medicinali al cortisone, detti cotisonici, agli antistaminici, passando per i broncodilatatori, cortisonici. Questi farmaci però contengono sostanze chimiche che potrebbero avere un effetto negativo sul nostro organismo: per questo motivo ci vengono incontro alcuni rimedi naturali privi di queste sostanze che aiutano l’organismo a ritrovare la sua forma migliore, superando l’allergia al polline.

Allergia al polline: rimedi naturali

Abbiamo visto quanto fastidiosa possa essere l’allergia al polline: per chi non volesse sottoporre il corpo allo stress dei farmaci ed all’ingerimento di sostanze chimiche ci sono alcuni rimedi naturali che consentono di ottenere lo stesso risultato. Quali? Andiamo a vedere alcuni di questi rimedi all’allergia al polline.

  • Antistaminici naturali: i cosidetti flavoinoidi, aiutano l’organismo dell’uomo a prevenire il rilascio come detto della cosidetta istamina che il corpo produce quando nelle vie respiratorie si depositano i pollini. Quali alimenti mangiare allora? Agrumi, ma anche pomodori, mele, lgumi e broccoli.
  • The verde: la bevanda a base di the verde contiene quercitina e catechina che sono due sostanze che prevengono anche in questo caso il rilascio dell’istamina che innesca il processo di allergia dell’organismo. Una tazza al mattino ed una alla sera possono essere dei validi rimedi naturali.
  • Ribes nigrum: abbiamo già visto questa pianta in precedenza, ha tantissime caratteristiche e proprietà benefiche per il nostro organismo. Funge tra le altre cose anche da antistaminico naturale andando a combattere l’azione dell’istamina ed al tempo stesso contiene grandi quantità di vitamina C essenziali per i mali stagionali come anche il raffreddore oltre che anti allergia da polline.
  • Basilico, oltre all’effetto anti-zanzare questa pianta può portare in alcuni soggetti al superamento dell’allergia da polline. Come somministrarla? Il nostro consiglio è quella di utilizzarla come tisana, ne esistono molte in commercio già pronte, altrimenti potete farla da voi, andando a bollire l’acqua, inserendo più foglie di basilico, farle raffreddare e quindi utilizzatele sulle vie respiratorie andandole a posizionare sulla pelle.
  • Aceto di mele: oltre alle sostanze naturali viste in precedenza anche l’aceto di mele può essere curativo come rimedio verso le allergie al polline. Se lo avete a disposizione andate a berne tra i due ed i quattro bicchieri al giorno di acqua con due cucchiaini di aceto di mele e supererete molti dei mali di stagione con successo, compresa l’allergia al polline.