Le zanzare sono degli insetti molto fastidiosi per l’essere umano, questa famiglia di insetti infatti ha una capacità del tutto particolare ovvero quella di pungere, se si tratta di femmine, sia gli animali che gli uomini per succhiare i fluidi vitali.
Questo processo viene svolto per risucchiare i fluidi corporei che hanno un’alta componente di proteine in grado di far si che le zanzare possano deporre le uova e farle maturare.

D’estate quindi succede spesso che ci si debba armare di prodotti chimici di ogni genere per riuscire a non soffrire i pizzichi ci questi insetti. Non tutti sanno che esistono moltissimi rimedi naturali contro le zanzare, prodotti che consentono al nostro corpo di non inalare sostanze chimiche, prevenendo anche le punture di questi piccoli animali.

Chi non è mai stato punto da una zanzara durante il periodo estivo o, quando fa molto caldo, anche in primavera? Ecco sapete bene quanto fastidio provochino per vari pruriti, rossori, le malattie che possono trasportare, e per il fatto che con il loro rumore nelle nostre orecchie possono farci passare notti insonni.
Ecco allora che l’uomo necessita di alcuni rimedi contro le zanzare, non tutti però sono chimici e quindi oltre a spray, contenenti prodotti che possono essere a lungo andare meno efficaci e dannosi per la nostra cute. Ci sono infatti alcuni rimedi per poterle eliminare in modo del tutto naturale e dei modi di prevenire le loro punture.

Zanzare, conosciamole meglio: perché pungono l’uomo?

A livello morfologico le zanzare si presentano con un corpo allungato, molto esile, di piccole dimensioni: sono lunghe tra i 3 ed i 9 millimetri normalmente al massimo possono arrivare ad una lunghezza di 15 millimetri in casi eccezionali ma non rari. Gli esemplari si differenziano in base al sesso per le antenne e per l’apparato boccale. Le femmine infatti lo hanno succhiante e pungente, mentre i maschi solo succhiante: da questo deriva il fatto che gli esemplari femmina sono quelli pericolosi per le punture che possono effettuare sull’uomo e sugli animali.

Le femmine infatti hanno un bisogno fisiologico di nutrirsi di emoglobina ed altre proteine: assunte con il loro apparato pungente e succhiante permette loro di assumere i fluidi ematici che hanno un importanza fondamentale per la maturazione delle uova che può avvenire in superficie dell’acqua o sotto di questa.

Dopo aver visto brevemente come si comportano le zanzare e per quale motivo pungono l’uomo o gli altri animali andiamo a vedere quali sono questi rimedi naturali per eliminarle e prevenire le loro punture.

Rimedi contro le zanzare naturali

Quali possono essere dei rimedi naturali per far si che le zanzare non ci ronzino attorno ma che soprattutto ci pungano il meno possibile? Lasciate stare gli spray come detto e le creme con agenti chimici, e provate e testate questi rimedi che vi riportiamo qui:

  1. Limone ed aceto: versate in un piatto o in una ciotola dell’aceto di mele o vino con del limone fresco tagliato a fette, le zanzare odiano il loro odore molto forte come molti altri tipi di insetti.
  2. Menta e lavanda: posizionate delle piante sul balcone, le zanzare infatti non sopportano quell’odore forte di queste due piantagioni che possono allontanarle dalla vostra abitazione o giardino
  3. Basilico: il rimedio più conosciuto, quello della nonna, potete spalmarvi delle foglie di basilico addosso oppure metterlo sul balcone o nelle vostre camere per evitare che vi disturbino le zanzare
  4. Zanzariera: che dire, il rimedio più efficace soprattutto in estate ma che porta con sé il problema che blocca anche il flusso d’aria quindi nelle notti più calde ed umide allontanerà senza dubbio le zanzare ma rischia di farvi fare i conti con il caldo.

Questi prodotti vi aiuteranno a portare in casa vostra un ottimo odore, che piacerà anche ai vostri ospiti, tenendo anche lontane le fastidiose zanzare dalle vostre dimore. I rimedi naturali saranno quindi una perfetta combinazione per riuscire a dire addio a questi insetti e soprattutto per evitare di impregnare casa con spray e agenti chimici.

Rimedi contro le zanzare: il loro habitat

Dove vivono le zanzare? Il loro habitat nello stadio giovanile come detto è rappresentato da acque come quelle degli stagni, oppure zone umide che grazie alla presenza di acqua stagnante si prestano alla loro crescita e maturazione. Sia l’acqua dolce che salata si presta alla loro crescita: difficilmente possono trovarsi invece lungo corsi d’acqua il cui clima non è ideale, ma dove l’acqua è più calma e stagnante appunto.

Le zanzare si sono adattate con l’evoluzione di questa specie, agli ambienti umani: quindi rurali ed urbani. Oltre a stagni, paludi, foci di fiumi, possono trovarsi allora nei canali di bonifica, nei bacini artificiali d’acqua, nelle discariche e dove avviene il deflusso degli scarti organici. Qui hanno imparato a vivere e riprodursi, come anche nelle fogne, un altro habitat ospitale per le zanzare.

Tendenzialmente dunque questi insetti si trovano in zone umide e per le loro caratteristiche prediligono luoghi ombrosi e freschi dove la vegetazione è molto fitta.
Cercate quindi di evitare questa tipologia di località nel corso dell’estate e nei momenti di maggiore caldo è un buono modo per riuscire a non farsi pungere.